Feb 24

FINE DELLE TRASMISSIONI

MONOSCOPIO

Dic 23

Buon Natale

NATIVITA

Dic 06

NCD – Nuovo Centrodestra BRINDISI

NCD - LOGObrindisi_porto

Dic 06

Ecco il simbolo dell’NCD – Nuovo Centrodestra

NCD - LOGO

www.ilnuovocentrodestra.it

Nov 22

Presentazione dei gruppi parlamentari (europei e regionali) del NDC – Nuovo Centrodestra

ALFANO portaapo lun 18 nov 13

Sabato 23 novembre 2013 alle ore ore 11 presso il Tempio di Adriano a Roma, ci sarà la Presentazione  dei gruppi Parlamentari, Europei e Regionali del Nuovo Centrodestra.

Nov 22

Lavori in corso (scusate il disagio)

Gentili amici,

lettori fedeli od occasionali, come avrete forse notato ci sono state delle modifiche in questo sito. E, almeno per ora, sono “sparite” alcune foto ed immagini. Mi scuso per tale inconveniente. Trattasi di una situazione temporanea dovuta al trasferimento del sito da una piattaforma ad un’altra: ciò comporta inizialmente dei disagi. Mi sentivo in dovere di dare una spiegazione o comunque di rendere partecipi voi lettori di questo fatto. Un po’ di pazienza e poi il sito tornerà ad essere quello di prima (o, mi auguro, addirittura migliore!). Grazie a tutti voi che mi seguite quotidianamente ed anche a chi si trova qui magari per caso.

cosimo de matteis

Ott 29

GIOVANARDI : “Mai in Forza Italia”

"falchi e colombe", Alfano, Carlo Giovanardi, cosimo de matteis, Forza Italia, governo, governo Letta, il sito di Giovanardi, ministri, nuova Forza Italia, Pdl, POPOLARI, Popolari Liberali, PPE, scioglimento del PdlChiaro e schietto come sempre: “io faccio parte dell’ufficio di presidente del Pdl, in quanto  rappresentante della componente dei Popolari-Liberali, e dico fin da ora  che se fanno Forza Italia noi non ci stiamo e non aderiamo. Prendiamo  atto, ma diciamo no“. Lo annuncia al quotidiano online Affaritaliani.it  il senatore Carlo Giovanardi. “Abbiamo aderito al Popolo della Libertà  per costruire un partito nel Ppe, popolare, democratico e di ispirazione  cristiana. Toglierlo per farne un altro? In bocca al lupo, ma non ci  stiamo.

Penso comunque che ci voglia un congresso perché non si può sciogliere  il Pdl e dire che non esiste piu in base a una semplice decisione. Vanno  sentiti gli iscritti. Per quanto riguarda il governo Letta – spiega il parlamentare – il documento firmato nel momento della crisi e’  validissimo e molti altri senatori e deputati non condividono la  posizione dei falchi.

Sul partito non sarò certamente l’unico a dire no  a Forza Italia. Alfano deve sciogliere la riserva: vuole essere il capo della  realtà che rimane all’interno del Ppe o vuole aderire a questa nuova  Forza Italia? Decida. Gli altri ministri? Non ho dubbi – conclude Giovanardi – che siano sulle  posizioni del 2 ottobre”.

Ed ancora: La mia assenza all’Ufficio di presidenza è motivata dal totale dissenso sulla proposta di estinguere il Pdl, partito democratico, popolare, di ispirazione cristiana, costola italiana del Partito popolare europeo, di cui come Popolari liberali siamo stati cofondatori, per tornare a Forza Italia di cui non abbiamo mai fatto parte“. Così Giovanardi spiega la sua decisione di disertare il vertice convocato da Berlusconi.

Insomma, i popolari (o, se preferite, i popolari liberali. O, ancor piu semplicemente, i cattolici) che non vedono con entusiasmo il ritorno di Forza Italia sanno a chi fare riferimento. E non è poco.

cosimo de matteis

http://liberiefortibrindisi.wordpress.com/2013/10/29/carlo-giovanardi-i-popolari-liberali-non-aderiranno-a-forza-italia/

 

Giu 25

Ecco le prime dichiarazioni di Berlusconi dopo la condanna

BERLUSCONO PDL.jpg“Ero veramente convinto che mi assolvessero perché nei fatti non c’era davvero nessuna possibilità di condannarmi. E invece é stata emessa una sentenza incredibile, di una violenza mai vista né sentita prima, per cercare di eliminarmi dalla vita politica di questo Paese.

Non é soltanto una pagina di malagiustizia é un’offesa a tutti quegli italiani che hanno creduto in me e hanno avuto fiducia nel mio impegno per il Paese.


Ma io, ancora una volta, intendo resistere a questa persecuzione perché sono assolutamente innocente e non voglio in nessun modo abbandonare la mia battaglia per fare dell’Italia un paese davvero libero e giusto.”

Mag 03

Quale Italia rappresenta Emma Bonino? (di DANILO QUINTO)

Corrispondenza romana, danilo quinto, emma bonino, george soros,

Danilo Quinto, sostengono alcuni, non sarebbe obiettivo nello scrivere e nel parlare di Emma Bonino. La presunta imparzialità – o financo pregiudizio- deriverebbe dalla storia personale dei due: Quinto viene da decenni nel partito radicale dove la abortista Bonino milita praticamente da sempre e dove il padre padrone indiscusso è Pannella. Poi le strade si sono separate: Danilo Quinto ha incontrato Cristo ( l’Uomo-Dio che, unico nella storia umana, ha detto “Io Sono la Via, la Verità , la Vita”) la Bonino continua a credere nella bontà dell’aborto e, riguardo la “Verità”, da buona massona si guarda bene anche solo dal pensare che possa esistere. Che poi, in tempi di orrida dittatura del relativismo, tale posizione sia diventata di massa (e persino “di moda”) non toglie che a dettare la linea siano sempre loro: quelli che pur di fronte a settantamila persone che avevano visto il sole roteare (tutti alluccinati?) ritenevano Suor Lucia una “visionaria”, appunto.

Bene. Danilo Quinto, oltre ad essere uno scrittore, collabora ad alcune Testate. Ecco un suo breve articolo, apparso su “Corrispondenza Romana” (la Rivista ora anche online diretta da Roberto de Mattei), riguardante la nomina di Emma Bonino alla importante carica di Ministro degli Esteri. Buona lettura.

Conosco bene Emma Bonino, il nuovo Ministro degli Esteri. Mi basta, per comprendere il senso di quest’operazione e la qualità di questo Governo. Ne ho parlato nei miei libri, con il rispetto che si deve a qualsiasi persona, ma nella consapevolezza di svolgere un’opera di verità nei confronti dell’ideologia anti-umana che la leader radicale incarna e rappresenta con le sue battaglie.

C’è chi sostiene che con quel codice omeopatico dello 0,19% acquisito nelle ultime elezioni, Marco Pannella non conti più nulla. Chi ragiona così, è complice della sua ideologia, perché l’ideologia pannelliana ha dilagato negli ultimi decenni ed appartiene trasversalmente all’intero schieramento politico. È anche complice della sua strategia.

Negli ultimi mesi, il leader radicale ha tenuto sotto traccia il suo movimento, perché sapeva che era “giunta l’ora” della sua Emma, che non è diventata Presidente della Repubblica, solo perché Giorgio Napolitano ha accettato il reincarico. Conta e tanto Pannella – con la sua rete di relazioni e di potere ‒ in quest’Italia scristianizzata e becera che promuove a icona della modernità una persona come Emma Bonino, prima per popolarità in qualsiasi sondaggio. Ha iniziato la sua carriera politica, com’è documentato dagli atti di un processo a suo carico che non si è mai celebrato, perché eletta in Parlamento, organizzando aborti clandestini. «Io uso – ha spiegato al settimanale “Oggi”, nel 1975 ‒ un barattolo da un chilo che aveva contenuto della marmellata. È un buon motivo per farsi quattro risate».

Dopo gli aborti, viene l’elezione in Parlamento, nel 1976, dove si rimane fino al 2013, con un intermezzo di 5 anni da Commissaria europea. Si gira il mondo a frequentare i potenti della terra. Alla fine, si può anche diventare Ministro degli Affari Esteri, con la strada ora spianata alla Presidenza della Repubblica. Che Emma Bonino sia amica di George Soros, che frequenti le riunioni del Gruppo Bildeberg, come il suo mentore, Mario Monti – e come fa il suo Presidente del Consiglio, Enrico Letta, che è anche membro della Trilaterale – non desta meraviglia. La scalata al potere si fa di questi tempi predicando il “Governo mondiale delle democrazie”. Un Governo di pochi e per pochi eletti, tanto caro ai progetti massonici e mondialisti. (Danilo Quinto)

http://www.corrispondenzaromana.it/quale-italia-rappresenta-emma-bonino/

 

Apr 03

il rischio piu grande: EMMA BONINO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

EMMA BONINO PRATICA UN ABORTO

Post precedenti «